top of page

Le Memorabilia di Memo Fornasari presentate al Museo Civico “C. Ottone” di Vigevano.


L’inaugurazione si terrà sabato 4 alle ore 17.00. Saranno esposte una trentina di opere fra le più significative appartenenti ai due cicli principali – “Galassie” e “Radiografie del colore” – realizzate dal poliedrico artista Domenico Memo Fornasari

(Mantova 1910 – Verona 1982). La mostra, che gode del patrocinio del Comune di Vigevano, si protrarrà fino al 30 maggio 2024.


Così il curatore Carlo Micheli: "Domenico Fornasari è pittore vero che paga, in egual misura, il proprio eclettismo artistico e una critica inadeguata. Una duttilità, la sua, distraente che lo porta ora sulla strada del cinema, ora nel mondo della progettazione; una critica che innanzi al suo fare brancola tra narcisistici sproloqui e inutili definizioni delle sue galassie, incapace di proporre un accostamento che ne faccia emergere le affinità con i grandi del suo tempo.

Eppure quelle sue forme futuribili dicono di una pittura colta, d'avanguardia, attenta allo spazialismo di Fontana, ma anche a Vedova, Turcato, Corpora. Questa mostra intende indurre ad una riflessione sui valori artistici di Fornasari, non tanto per rivendicare primati o anticipazioni, bensì per affermare come l’artista mantovano fosse li, tra i grandi, nel momento giusto, in quegli anni '50 e '60 in cui fiorirono i più grandi nomi dell'Arte Contemporanea.

Nel 1973 dalle pagine del "Resto del Carlino" Marino Mercuri poneva un problema fondamentale: "Fornasari - bisogna dire - non è stato scoperto: le sue stagioni artistiche non sono agevolmente afferrabili per una giusta, più attendibile interpretazione. (...) Uscì dalla legione di seguaci del Futurismo con svolte incredibili che non furono segnalate dalla critica. E ancora "Ma come va visto il Fornasari rispetto a pittori come Adami, Pozzati, Pistoletto, Schifano?". Dopo alcuni mesi, nel segnalare l'incontro tra Guidi e Fornasari avvenuto alla mostra che quest'ultimo tenne a Recanati, lo stesso Mercuri afferma che le poche righe scritte da Guidi ("Tanti avvenimenti artistici del secolo l'ha messi lei, nella sua opera, dominandoli con maestria") sono da considerarsi la critica più approfondita che Fornasari potesse allora vantare.

Delle innumerevoli mostre personali tenute in tutto il mondo, non rimangono che scarni dépliant, superficiali e raffazzonati. Urge dunque un riesame approfondito dell’opera di questo artista inquieto e geniale, una rilettura che gli renda finalmente merito, collocandolo tra i protagonisti della sua epoca.

Questo è quanto si è cercato di fare con la mostra ospitata negli spazi del Museo Civico di Vigevano grazie alla collaborazione dei nipoti Tiziano, Vanni, Roberta e Lorella".


ARTISTA: Memo Fornasari

TITOLO: “Memorabilia”

TIPOLOGIA: mostra antologica

CURATORE: Carlo Micheli

INAUGURAZIONE: sabato 4 Maggio 2024

DURATA: dal 4 al 30 maggio 2024

LUOGO: Museo Civico - Pinacoteca di Vigevano

INDIRIZZO: Piazza Ducale 20

ENTE PATROCINATORE: Comune di Vigevano

ORARI: mart-ven 14.00/17.30 – sab e dom 10.00/18.00 – lunedì chiuso




0 visualizzazioni0 commenti

Palazzo dei Principi – Correggio (RE)

Mostra attiva dal 3 dicembre 2022 al 15 gennaio 2023



MEMORABILIA, la mostra di Memo Fornasari curata da Carlo Micheli, viene proposta al Palazzo dei Principi col patrocinio del Comune di Correggio.



L’antologica, allestita nella Galleria Espositiva del Museo il Correggio, consta di una sessantina di opere scelte, appartenenti ai due filoni principali che caratterizzano l’opera di Domenico (Memo) Fornasari.


Dopo l’inaugurazione di sabato 3 dicembre alle ore 16, la mostra sarà fruibile fino al 15 gennaio 2023.



Titolo: Memorabilia

Artista: Memo Fornasari

Categoria: Mostra antologica

Curatela: Carlo Micheli

Periodo: 3 dicembre 2022 | 15 gennaio 2023

Inaugurazione: sabato 3 dicembre 2022 ore 16

Sede: Palazzo dei Principi | Galleria Espositiva | Museo il Correggio

Indirizzo: Corso Cavour, 7 - 42015 Correggio (RE)




3 visualizzazioni0 commenti



A seguito del successo di pubblico e critica riscosso dalla precedente edizione, MEMORABILIA, la mostra di Memo Fornasari curata da Carlo Micheli, viene proposta presso la Rocca Sanvitale con patrocinio del comune di Fontanellato.

L'antologica, allestita nelle sale del piano terra adiacenti la stanza affrescata da Parmigianino, è fruibile unicamente attraverso le visite guidate all'interno della rocca e, dopo l'inaugurazione di venerdì 19 aprile alle ore 17, sarà fruibile fino al 11 giugno.


Domenico Fornasari è pittore vero che paga, in egual misura, il proprio eclettismo artistico e una critica inadeguata. Una duttilità, la sua, distraente che lo porta ora sulla strada del cinema, ora nel mondo della progettazione; una critica che innanzi al suo fare brancola tra narcisistici sproloqui e inutili definizioni delle sue galassie, incapace di proporre un accostamento che ne faccia emergere le affinità con i grandi del suo tempo.

Eppure quelle sue forme futuribili dicono di una pittura colta, d’avanguardia, attenta allo spazialismo di Fontana, ma anche a Vedova, Turcato, Corpora. Questa mostra intende indurre ad una riflessione sui valori artistici di Fornasari, non tanto per rivendicare primati o anticipazioni, bensì per affermare come l’artista mantovano fosse li, tra i grandi, nel momento giusto, in quegli anni ‘50 e ‘60 in cui fiorirono i più grandi nomi dell’Arte Contemporanea.


Nel 1973 dalle pagine del “Resto del Carlino” Marino Mercuri poneva un problema fondamentale: “Fornasari –bisogna dire- non è stato scoperto: le sue stagioni artistiche non sono agevolmente afferrabili per una giusta, più attendibile interpretazione. (…) Uscì dalla legione di seguaci del Futurismo con svolte incredibili che non furono segnalate dalla critica. E ancora “Ma come va visto il Fornasari rispetto a pittori come Adami, Pozzati, Pistoletto, Schifano?”. Dopo alcuni mesi, nel segnalare l’incontro tra Guidi e Fornasari avvenuto alla mostra che quest’ultimo tenne a Recanati, lo stesso Mercuri afferma che le poche righe scritte da Guidi (“Tanti avvenimenti artistici del secolo l’ha messi lei, nella sua opera, dominandoli con maestria”) sono da considerarsi la critica più approfondita che Fornasari potesse allora vantare.

Delle innumerevoli mostre personali tenute in tutto il mondo, non rimangono che scarni dépliant, superficiali e raffazzonati. Urge dunque un riesame approfondito dell’opera di questo artista inquieto e geniale, una rilettura che gli renda finalmente merito, collocandolo tra i protagonisti della sua epoca.


Questo è quanto si è cercato di fare con le mostre ospitate nel Palazzo Civico ed ora nella prestigiosa Rocca di Sanvitale, realizzate anche e soprattutto all'impegno amorevole e appassionato dei nipoti Tiziano, Vanni, Lorella e Roberta.



Titolo: Memorabilia

Artista: Memo Fornasari

Categoria: Mostra antologica

Curatela: Carlo Micheli

Patrocinio: Comune di Fontanellato

Periodo:29 aprile - 11 giugnio 2022

Inaugurazione: venerdì 29 aprile ore 17:00

Sede: Rocca Sanvitale

Indirizzo: Piazza Giacomo Matteotti, 43012 Fontanellato PR

Patrocinio: Comune di Fontanellato

Orari: 10.00 - 13.00 | 14.30 - 17.30 | martedì chiuso


L’ACCESSO ALLA MOSTRA È CONSENTITO SOLO NELL’AMBITO DELLE VISITE GUIDATE ALLA ROCCA, CON PARTENZE SCAGLIONATE OGNI 30 MINUTI CIRCA - BIGLIETTI: INTERO: EURO 10,00 - RIDOTTO (DA ANNI 6 A ANNI 16): EURO 5,00 - RIDOTTO CON PASSAPORTO CARD DEL DUCATO: EURO 9,00 - GRATUITO BAMBINI SOTTO I 6 ANNI, DISABILI E RESIDENTI (MASSIMO 2 PAX PER TURNO)


Info:

Tel. 0521 829055




17 visualizzazioni0 commenti
bottom of page